Titolo

Organizzazione del plesso

Immagine a destra

Corpo

Obiettivi del plesso

L’asilo nido Collegio San Francesco è un servizio  educativo e sociale  che ha  la finalità di formazione e socializzazione dei bambini, nella prospettiva  del loro benessere  psicofisico  e dello sviluppo  delle loro potenzialità cognitive, affettive, relazionali e sociali. In questa delicata fase si fondano le basi per la formazione del bambino sia da un punto di vista emotivo che psicologico.

Il progetto pedagogico si ispira ad una visione integrata dello sviluppo affettivo - relazionale -cognitivo del bambino, in una dimensione valoriale cristianamente ispirata.

Cardini del progetto educativo:

  • ogni bimbo è un tesoro nascosto, unico, diverso da tutti: educare è insegnargli a scoprirlo;
  • sostenere le famiglie nella cura dei figli e nelle scelte educative;
  • offrire ai bambini un luogo di formazione, di cura e di socializzazione per il loro benessere psico-fisico e per lo sviluppo delle loro potenzialità cognitive, affettive e sociali;
  • puntare ad una formazione non solo intellettuale ma anche umana, sociale e spirituale;

 

Cosa fanno i bambini al nido ?

21 è la presenza massima di bambini al Nido con 3 Educatrici sempre presenti.

o    L’inserimento

 L’inserimento al Nido  rappresenta per il bambino  l’inizio di una nuova esperienza, nel quale il bambino deve allontanarsi dalla figura genitoriale in modo sereno e tranquillo. Durante l’inserimento tra educatore e  genitori nasce il primo rapporto di fiducia, quest’ultimi dovranno essere convinti che questa esperienza sia importante nel percorso di crescita del loro figlio, così ponendosi come facilitatori nel creare un rapporto sereno tra educatore e bambino. L’inizio di questa relazione nido-famiglia è lenta e graduale, pone le basi per una struttura del rapporto solida, dove la condivisione, lo scambio e la fiducia diventano valori fondamentali.

Per l'inserimento del bambino al Nido è indispensabile la presenza di un genitore all'interno della struttura, vi sarà quindi richiesta la disponibilità a trascorrere questo momento insieme al vostro bambino per un periodo che varierà da una a due settimane, nel rispetto delle esigenze e dei tempi di adattamento del bambino e del genitore.

o    I gruppi:

I bambini sono suddivisi per fasce di età omogenee in grado di rispettare le relative tappe di sviluppo:

  • Bruchini: 3 mesi - 12 mesi
  • Bruchi: 12 mesi - 18 mesi
  • Farfalle: 18 mesi - 36 mesi

Durante le attività vengono suddivisi in piccoli gruppi in modo che possano essere accolti nell’ascolto e nelle loro piccole e grandi richieste.

Vengono inoltre organizzati momenti a gruppi misti in modo che possano vivere esperienze diversificate.

o    Le routine

Le routine, cioè gesti di cura del bambino, scandiscono la quotidianità del nido, sono veri e propri rituali che giorno dopo giorno aiutano il bambino nel suo percorso di crescita e di sviluppo. Con le routine ( accoglienza mattutina, cambio del pannolino ed igiene personale, pasti, sonno e momento del saluto) si rende la giornata prevedibile e rassicurante per il bambino, il quale conquista una maggiore consapevolezza della consequenzialità delle azioni, necessarie per aiutarlo ad orientarsi e a fidarsi dell’ambiente, rafforzando la sua fiducia di base. La dimensione ludica  è un altro aspetto da valorizzare per poter raggiungere gli obiettivi educativi.

o    Le attività

Oltre le routine, la progettazione educativa prevede ogni giorno alcuni momenti di attività ; Si tratta di momenti di gioco pensati, preparati dalle educatrici seguendo alcuni criteri:

  • Varietà: durante l’anno vengono proposte attività con materiali e obiettivi diversificati
  • Congruenza all’età e progressione
  • Regolarità: i giochi vengono proposti in determinati momenti della giornata
  • I giochi mirano a facilitare gli scambi comunicativi e le interazioni tra pari.

Sebbene tutte le proposte coinvolgano complessivamente tutte le dimensioni dello sviluppo le attività possono essere distinte in:

  • Attività’ di manipolazione e trasformazione di materiali
  • Attività’ euristiche attraverso giochi di scoperta
  • Attività’ espressive linguistiche volte alla valorizzazione delle emozioni e alla proposta di linguaggi come strumento di mediazione e incontro
  • Attività Motorie rivolte allo sviluppo delle abilità motorie e al coordinamento utili per favorire l’autonomia motoria, il controllo dello spazio e l’equilibrio
  • Attività di avvicinamento ai valori Cristiani
  • Uscite sul territorio: cascina didattica, biblioteca comunale di Lodi, visione di uno spettacolo presso il teatro alle Vigne di Lodi
  • Corso di acquaticità per i bambini del gruppo Farfalle, accompagnati dal nido in piscina (20 lezioni da febbraio a giungno) con le educatrici di riferimento

Durante l’anno verranno anche organizzate feste a tema e gite con la partecipazione di genitori, nonni, parenti.

testo bottom

Organizzazione della giornata

La giornata è articolata in funzione dei tempi e dei ritmi dei bambini. Le situazioni di gioco spontaneo e organizzato, le esperienze singole, di gruppo e collettive tengono conto della concreta realtà affettiva, psicologica, cognitiva, culturale del bambino e della realtà di provenienza. 

 

L’asilo è aperto dalle 7.30 alle 17.30, da lunedì a venerdì. Il genitore può scegliere fra quattro fasce differenti d’orario:

 

 

Servizio di prescuola            dalle 7.30 alle 8.30    

 Fascia                           Ingresso          Uscita

- Fascia oraria A            8.30-9.30        11.30            
- Fascia oraria B            8.30-9.30        13.00           
- Fascia oraria C            8.30-9.30        15.30-16.30        
- Fascia oraria D            8.30-9.30        16.30-17.30  

 

Il calendario annuale dell’attività è strutturato nel rispetto della normativa vigente e garantisce il funzionamento per 47 settimane annue.  

 

video

footerbottom

Collegio San Francesco - Scuole Paritarie - Via San Francesco 21 - 26900 Lodi

Part. IVA: 01697030151 - Tel: +39 0371 420019 - Email: segreteria@sanfrancesco.lodi.it